top of page

Sciopero per le donne, sciopero per la pace.


Un anno fa scrivavamo: "l'8 marzo si celebra la Giornata Internazionale della Donna: si ricorda quando, l'8 marzo del 1917, le donne di San Pietroburgo manifestarono per dire "no" alla guerra. Qualche anno dopo, durante la Seconda Internazionale delle Donne Comuniste del 1921 a Mosca, si istituì la Giornata dell'Operaia l'8 marzo, in ricordo proprio delle lotte che le donne fecero per la pace. La storia femminista è quindi legata a quella del movimento contro la guerra e quello operaio: oggi più che mai queste lotte sono attuali e tangibili. Da una parte le morti sul lavoro hanno raggiunto cifre da guerra, dall'altra parte ci ritroviamo invece una guerra vera e propria, uno scontro tra potenze che si fronteggiano per ragioni totalmente imperialistiche. La mimosa stessa, simbolo in Italia della giornata, è un richiamo alla classe lavoratrice, dato che è un fiore umile e poco costoso che cresce però ovunque.", simbolo, peraltro, creato dalle Partigiane e Costituenti Teresa Mattei e Rita Montagnana. Più di 100 anni dopo ci ritroviamo ancora qui, a gridare per la pace, non solo domandandola, ma pretendendola. Una pace giusta, vera, che ci permetta una vita giusta e dignitosa. Non è un caso che all'epoca furono le donne a mobilitarsi contro la guerra: le donne sono ultime, assieme a tutte quelle soggettività che non fanno parte di quello che è un sistema bianco, patriarcale e coloniale. L'alleanza tra le donne e le altre soggettività è storica, presente da sempre e oggi più che mai attuale.


Nel mondo stiamo rivivendo un'agghiacciante onda di odio e violenza nei confronti di chi è più debole: da quando il governo Meloni è al potere, tanti sono i monumenti alla Memoria sfregiati, perfino nella nostra città sono apparse tre rivoltanti svastiche (per giunta storte). In questi giorni la neoeletta segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein, è stata oggetto di pesante linguaggio d'odio: indipendentemente da ciò che si può pensare di lei e del suo partito, sono ingiustificabili gli attacchi antisemiti, bifobici e misogini che le sono arrivati. Oltreoceano abbiamo appena assistito all'approvazione di una legge, in Tennesse, che di fatto criminalizza le soggettività trans e in Italia la transfobia, che spesso colpisce le donne trans, è un problema di portata immane. I diritti riproduttivi sono sempre di più in bilico: cosa succederebbe se l'autonomia differenziata diventasse realtà? Sarebbe garantito l'accesso all'ivg su tutto il territorio nazionale? Già ora l'ivg è un diritto calpestato e temiamo che se la sanità dovesse diventare una competenza del tutto regionale, il diritto all'aborto diventerebbe fantascienza in molti territori. Ma non è solo l'ivg ad essere in pericolo, lo è anche la distribuzione gratuita dei contraccettivi, attualmente realtà solo in poche parti d'Italia, e la possibilità di poter effettuare visite gratuite e di qualità nei consultori pubblici poiché, seguendo il "modello lombardo", il rischio è che la sanità diventi sempre più a carico del settore privato piuttosto che pubblico, portando quindi all'esclusione delle persone più povere.


Noi donne vogliamo essere libere, non liberate: come Coordinamento Donne "Alba Mini" Santarcangelo aderiamo e promuoviamo i movimenti di emancipazione transfemminista, per permettere a tuttз lз oppressз di questo mondo libertà, giustizia e pace.


Per celebrare questa Giornata Internazionale della Donna, vi invitiamo alla seconda edizione di "Sui passi delle Donne Resistenti", percorso guidato per i luoghi della Resistenza femminile santarcangiolese, domenica 12 marzo, partenza ore 10:00 dallo Sferisterio di Santarcangelo. Terminato il percorso, verrà offerto un piccolo rinfresco presso la nostra sede, che rimarrà aperta al pubblico. Per partecipare occorre prenotare con il tasto qui sotto.



Post recenti

Mostra tutti

コメント


bottom of page