top of page

Romagna nostra: appello alla solidarietà. Festa Popolare dei Lavoratori rimandata.


In questi giorni stiamo vivendo una situazione tragica: l'alluvione ha mietuto vittime e causato danni immensi al nostro territorio. Rimandare la Festa Popolare dei Lavoratori ci sembra quindi un obbligo, soprattutto in segno di rispetto per tutte quelle persone che stanno attraversando momenti di difficoltà nella nostra Romagna. Ci rivolgiamo ora a chiunque possa, nella più assoluta sicurezza, mettere a disposizione le proprie forze per aiutare la nostra comunità, rimandiamo quindi all'articolo di VolontaRomagna che si può leggere qui: https://bit.ly/romagnaiutiamoci.


Come ANPI Santarcangelo, ci stringiamo alle famiglie delle vittime e siamo solidali con chi, in queste ore, ha perso la propria casa. Situazioni come questa ci riempiono di rabbia: il cambiamento climatico, non il maltempo, sta causando tutta questa sofferenza; ormai è inutile negare l'evidenza e girarsi dall'altra parte. Queste vittime sono frutto di una politica scellerata, che evita qualsivoglia dibattito serio e strutturale sui cambiamenti climatici e sull'uso di combustibili fossili. Si continua, e la nostra regione non fa eccezione, a puntare sul fossile il nostro sostentamento energetico: a Ravenna si continua ad estrarre gas mentre le città della Riviera hanno detto "no" all'impianto eolico nell'Adriatico per "tutelare il paesaggio". In Emilia-Romagna si continuano a buttare colate di cemento, rendendola la terza regione in Italia sia per incremento di suolo consumato che per il totale di suolo consumato. Tutto questo in una situazione climatica di crisi, in cui la siccità, specie nella nostra regione, diventa sempre più forte. Il governo Meloni, nonostante questa sia l'ennesima prova della realtà del cambiamento climatico, continua a non mostrare alcuna volontà circa un cambiamento di rotta sulle politiche energetiche del nostro Paese.


Secondo la nostra Associazione non solo si possono fermare gli effetti del cambiamento climatico, ma è necessario poiché questi incidono in modo profondo nella vita della cittadinanza, rendendo di fatto inattuabili tutti i principi che le Madri e i Padri Costituenti inserirono nella nostra Costituzione. L'antifascismo è una questione di giustizia: ci chiediamo se sia giusto che il benessere della collettività sia messo al secondo piano per il profitto di pochi.



Per aiutare

Forlì Per chi volesse rendersi utile e dare la propria disponibilità: 0543 712301 – emergenzavolontari@comune.forli.fc.it

Cesena Il Comune ha attivato la linea telefonica 0547 356466 per chi volesse candidarsi come volontario per pulizia strade e immobili, raccolta beni, turnazione cucine, consegna pasti. Il numero 0547 356466 resterà attivo il 17 maggio fino alle 24, mentre giovedì 18 maggio, sarà operativo dalle 9.00 alle 18.00. È possibile segnalare la propria disponibilità anche attraverso il modulo online al link https://www.volontarisos.it per la pulizia delle strade. Occorre automunirsi di stivali e guanti.

81 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page